AREA TEMATICA:

Per rafforzare il nuovo sistema di residenzialità per le persone anziane, abbiamo approvato in Giunta il relativo regolamento: l’obiettivo è passare dalla logica delle grandi case di riposo a quella familiare dei cohousing, dei miniappartamenti condivisi e delle comunità alloggio.

Adesso, il testo è pronto per essere sottoposto all’approvazione dell’Assemblea Capitolina. Abbiamo già aperto due cohousing con questa logica e il regolamento rafforzerà il nuovo sistema.

Le nuove residenzialità, infatti, favoriscono la valorizzazione dei singoli ospiti, la dimensione di comunità, di famiglia, di vicinato, con l’obiettivo finale di sostenere l’invecchiamento attivo e migliorare la qualità della vita delle persone.

Rivoluzionare l’accoglienza delle persone anziane è un’azione fondamentale per la città.

L’esperienza dei primi due cohousing che abbiamo avviato, in zona Torre Gaia e a Monteverde, stanno confermando le nostre aspettative, dando vita a convivenze in autonomia, dove le caratteristiche dei singoli si incontrano per creare comunità attive, di aiuto, sostegno reciproco e nuove amicizie.

Con i progetti che abbiamo strutturato, Roma avrà entro il 2022 circa 100 posti in più per le persone anziane che hanno bisogno. Un numero destinato a crescere grazie a nuovi immobili che potranno essere coinvolti, anche confiscati alla criminalità organizzata.

Le strutture ad oggi coinvolte nella riorganizzazione in miniappartamenti, comunità alloggio e cohousing sono le case di riposo Roma 1, Roma 3, Bruno Buozzi e Casa Vittoria (Mun XI), più un altro appartamento in zona Eur che dedicheremo a questo progetto insieme agli altri immobili che sono già stati aperti.

Questo progetto rappresenta e afferma, giorno dopo giorno, i nostri obiettivi per la Persona e la Comunità.

Veronica Mammì 15 febbraio 2021

https://www.facebook.com/groups/732245273575408/permalink/2209512762515311/

Tags:

Comments are closed

SCEGLI UN ALTRO MUNICIPIO